di: Fiorenzo PaneroTORINO - Non sappiamo se Cavour amasse il panettone milanese. Di sicuro al ristorante del Cambio, oltre alla finanziera e la bagna caoda con tanto aglio, il grande statista inzuppava fettone di «pane farcito» in colossali scodelle di panna montata. Ma in quei lontani anni esisteva anche un altro problema, di ordine squisitamente logistico: Torino era troppo lontana dalla capitale del panettone, cioè Milano...
Leggi tutto...0

Condividi:

Articoli correlati:

Altre Notizie: